Le Residenze di Via Bologna

Località: Via Bologna , Carpi (Mo).
Periodo: 2012-2014
Committente: ecoDOMUS srl
Progetto: archemstudio s.ass. – Arch. M.Carli & Arch. E.Contini
Direzione Lavori: Geom. R.Mantovani, Geom.L.Tavernelli
Tipo di Progetto: Architettonico-Residenziale, Nuova realizzazione.

L’intervento proposto da ecoDOMUS srl si trova in Via Bologna, una zona residenziale posta in Carpi nord. L’area è servita dai servizi di quartiere ed è posta di fronte ad un parco pubblico.

Il lotto presenta con una forma rettangolare il cui lato maggiore è parallelo alla viabilità su cui si attesta: Via Bologna.

Di fronte si sviluppa un ampio parco verde che ne caratterizza gli aspetti ambientali e naturalistici.

Archemstudio s.ass. opera una progettazione unitaria e integrata.

Analizzando il contesto e l’edificato presente, progetta due edifici distaccati, dalle dimensioni ridotte e immersi nel verde dei giardini di pertinenza, in modo che al meglio si vadano ad inserire ed integrare nell’esistente e ottenendo così un gradevole impatto volumetrico.

Tali edifici sono posti l’uno di fronte all’altro nel rispetto delle distanze minime previste da normativa.

La composizione architettonica si esplica nella realizzazione di un volume maggiore in muratura a faccia a vista, che funge da base forte e robusta, che poi va a restringersi salendo di quota, dando vita ad un volume intonacato più arretrato e ‘leggero’; si ottiene così una lettura secondo una priorità di elementi che gradualmente si riconduce alla ‘dimensione uomo’.

In posizione centrale su Via Bologna si ha l’accesso carrabile, costeggiato da due ingressi pedonali, posti in posizione simmetrica rispetto allo stesso.

I due fabbricati ospitano 8 alloggi l’uno e si sviluppano nel piano terra, primo e secondo.

Ogni singolo edificio vede al suo interno, diverse tipologie di alloggi:

Al Piano TERRA si realizzano sul fronte prospiciente l’area comune tutte le autorimesse necessarie, mentre sui fronti opposti trovano spazio rispettivamente due maisonettes per ogni edificio.

La singola maisonette è dotata di ambiente cucina oltre a quello del soggiorno, dal quale si accede, previa loggia di filtro tra interno ed esterno, ad una porzione di giardino privato per un colloquio diretto col verde presente intorno; gli ambienti della zona notte prevedono due servizi igienici e due stanze da letto a cui si accede tramite il disimpegno quale filtro rispetto alla zona giorno.

Al Piano PRIMO si sviluppano 4 Alloggi, che vedono alcune differenze di ripartizione interna nei due differenti edifici.

Edificio B (posto a est): gli alloggi sono speculari sia sull’asse verticale che su quello orizzontale dell’edificio, e vedono al proprio interno i seguenti ambienti; si entra nel soggiorno da cui si accede al locale cucina, entrambi hanno uno sfogo verso l’esterno tramite un terrazzo / loggia, dallo stesso soggiorno ci si collega alla zona notte che attraverso un disimpegno da l’accesso ai due servizi igienici e alle due stanze da letto.

Edificio A (posto a ovest): gli alloggi sono concepiti in maniera analoga all’altro edificio, ad eccezione di un alloggio che è stato previsto dalle dimensioni più ridotte, vedendo quindi al suo interno un ambiente soggiorno / cucina da cui si accede, tramite disimpegno, alla stanza da letto e al servizio igienico; in tal modo si è potuto realizzare di rimpetto un alloggio dalle superfici più consistenti per il quale, oltre alla zona giorno analoga a quanto descritto per gli appartamenti dell’edificio B, si prevede la zona notte che ospita tre stanze da letto oltre ai due servizi igienici. Stessi canoni sono stati applicati relativamente alla dotazione di terrazzi / logge di pertinenza della zona giorno. I restanti due alloggi del piano hanno in linea di massima le medesime caratteristiche di quelli citati in riferimento all’edificio B. In tal modo si ottengono soluzioni di flessibilità del lay-out planimetrico;

Al Piano SECONDO, i volumi si restringono e quindi anche il numero degli alloggi si riduce.

Per un ottimale utilizzo delle superfici vengono realizzati in entrambi gli edifici, due alloggi per piano, rispettivamente con affaccio sui tre lati: uno posto a sud e l’altro posto a nord del singolo fabbricato. I due alloggi vedono lo sviluppo sui propri tre lati di ampi terrazzi per un buon rapporto con l’esterno. La ripartizione interna prevede un ampio ambiente soggiorno da cui si accede sia al locale della cucina sia al disimpegno della zona notte da cui si arriva quindi a tre stanze da letto e a due servizi igienici; da tutti gli ambienti si ha il collegamento ai terrazzi citati.

La distribuzione verticale per ogni edificio, si realizza tramite un corpo scala, nel cui centro è posizionato il volume dell’ascensore, e che serve i vari alloggi presenti ad ogni livello.

Per tutte le unità vengono realizzati terrazzi / logge per un buon rapporto con l’ambiente esterno, per stabilire un controllo ambientale in termini di calore e luce, e rispondere all’esigenza di ospitare i volumi tecnici di servizio alle abitazioni, preservando così un fronte pulito e unitario; tali spazi aperti sono progettati in modo da evitare l’introspezione tra le diverse proprietà.

Nell’ottica di un intervento che colloquia con l’ambiente si prevede l’inserimento di pannelli solari per il riscaldamento dell’acqua calda, e l’utilizzo di un moderno impianto centralizzato per il riscaldamento degli ambienti interni.

Le bucature sono pensate per ottenere un ottimale livello di illuminazione e areazione interna.

Le strutture principali e secondarie sono previste in modo che soddisfino i vari requisiti di resistenza statica, isolamento termico e acustico verso l’ambiente esterno e tra i vari ambienti interni delle diverse proprietà.

Si é agito allo scopo di ottenere un buon rapporto volumetrico anche in relazione agli edifici esistenti nell’intorno e rendere un’immagine gradevole e reciprocamente integrata, del complesso abitativo.